Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


La MEDICINA NATURALE e' Medicina SCIENTIFICA ? SI !
Ippocrate, padre della medicina moderna, ha detto 2400 anni fa: “Tutte le malattie hanno origine nell’intestino
Comitato " Primo NON nuocere"

"Noi medici siamo plagiati, fin dall'inizio, dagli insegnamenti universitari che ci vengono propinati da un manipolo di "professori"
che hanno il solo interesse di lasciarci nell'ignoranza sulla vera origine delle malattie. Alcuni di noi, alla fine, raggiungono la consapevolezza e mettono in moto delle grosse energie che provocano reazioni positive nel Tutto
."
By  Dott. Giuseppe De Pace (medico ortopedico ospedaliero)

 

La Medicina Naturale e' medicina scientifica ?   

In genere definiamo "scientifica" la Medicina Occidentale, quella insegnata nelle Universita’, e’ come dire che tutte le altre culture e pratiche mediche non lo sono, e cosi’ si crea così un grave equivoco che la medicina ufficiale spaccia per verita’ assoluta.
Le Medicine Naturali non sono infatti antiscientifiche, tutt’altro, ma per comprendere cio’ occorre  che vengano applicate nel pieno rispetto delle loro caratteristiche e/o delle loro varie tecniche, con i loro risultati ottenuti e consolidati nel tempo.

Cosa significa il termine italiano
"scientifico" ?
Per definire “scientifica” ovvero definire la scientificità di una qualsiasi medicina, ci si  deve assolutamente rifare ai criteri “euristici” enunciati da vari filosofi della scienza quali:
Sarton, was convinced that the study of the history of science was the only truly progressive history.
"Whatever material and intellectual progress there is can be traced back in each case to the discovery of some new secret of nature or to a deeper understanding of an old one".

Popper K., in "Conoscenza oggettiva: un punto di vista evoluzionistico" afferma: “Ogniqualvolta una teoria ti sembra essere l’unica possibile, prendilo come un segno che non hai capito né la teoria né il problema che si intendeva risolvere”.

Porkert Professore Emerito straordinario di Sinologia e basi teoriche della Medicina Cinese presso l'Università di Monaco, Germania. Redattore capo esecutivo del Dizionario Normativo Internazionale di Medicina Cinese Dell'Accademia di Medicina Cinese, Pechino, Cina. Theoretical Foundations of Chinese Medicine: Systems of Correspondence – Apr. 1978

Cosa sono i Criteri Euristici:
L'euristica (dal greco ευρίσκω, heurísko, letteralmente "scopro" o "trovo") è una parte dell'epistemologia e del metodo scientifico.
È quella parte della ricerca il cui compito è di favorire l'accesso a nuovi sviluppi teorici o scoperte empiriche. Si definisce infatti procedimento euristico, un metodo di approccio alla soluzione dei problemi, che non segue un chiaro percorso, ma si affida all'intuito e allo stato temporaneo delle circostanze, al fine di generare nuova conoscenza. – Tratto da: it.wikipedia.org

Anche il giudizio sul fatti deve essere fondato sugli elementi di prova per il tramite di inferenze logicamente valide e controllabili. 
La "logica del giudizio di fatto" non è solo uno strumento euristico; essa è anzi principalmente uno strumento di controllo sull'attendibilità del giudizio di fatto. 
Gli apprezzamenti discrezionali e i giudizi di valore che condizionano la decisione vanno esplicitati e giustificati: standards, criteri, valori, regole d'esperienza e background knowledges vanno individuati, enunciati, e se occorre a loro volta giustificati.
Gli argomenti giustificativi debbono poter essere riconosciuti come validi e convincenti.  Occorre infatti che essi enuncino buone ragioni per far considerare razionalmente fondata la decisione. 

Primo criterio euristico:
Il primo richiede che la medicina si basi su un atteggiamento di "empirismo positivo", cioè che si basi su osservazioni ripetute, derivate dall'esperienza pratica accumulata nel tempo.
Si pensi che caratteristica di tutte le medicine naturali è proprio l'attenta e raffinata osservazione dell'uomo e della natura, che la Medicina naturale può vantare in millenni di esperienza pratica.


Secondo criterio
euristico:
Il secondo impone che le osservazioni vengano riferite in termini comunicabili obiettivamente, attraverso l'adozione di un sistema di "convenzioni" di un "linguaggio scientifico".
Ogni Medicina nasce in un preciso contesto culturale e ne utilizza linguaggio e convenzioni per poter comunicare senza incertezze quanto viene osservato.
Come i dati della Medicina occidentale detta ufficiale universitaria vengono trasmessi in termini quantitativi utilizzando il sistema metrico e statistico, così le osservazioni delle medicine naturali vengono rese nei termini (misure, immagini, convenzioni) propri dei paradigmi culturali da cui nascono e che molte volte sono in grado di rendere aspetti qualitativi altrettanto bene di quelli quantitativi.
Pensiamo all'importanza dell'esame della lingua e/o del corpo (Semeiotica) in molte medicine naturali.
Per esempio: quando un medico cinese osserva la lingua di un soggetto la descrive in termini di forma, dimensioni, consistenza, colore, umidificazione e secondo un criterio topografico: dicasi ugualmente per l'iridologia, la reflessologia plantare, l'auricoloterapia ecc., le osservazioni effettuate vengono vagliate con un sistema diagnostico molto raffinato che permette di interpretare i "segni" rilevati, traendone diagnosi ed i principi di trattamento necessari per impostare la corretta terapia per il soggetto (ad personam).
Si tratta di dati oggettivi che, inseriti nel paradigma della Medicina Tradizionale Cinese ed in cio' che noi chiamiamo Medicina Naturale, forniscono un quadro estremamente preciso e raffinato dei disordini o meno interni al soggetto esaminato.

Terzo criterio euristico:
Il terzo è appunto la necessità di una "sistematizzazione" delle osservazioni in una struttura razionale.
L'inserimento delle osservazioni raccolte e descritte in termini oggettivi in un quadro di riferimento chiaro e incontrovertibile permette di definire scientifica una Medicina e ciò accade per tutte le medicine Naturali prese nel loro contesto autentico.
Dalla scientificità di una medicina deriva la sua capacità di affrontare in modo non casuale o istintivo, ma sistematico e ripetibile l'analisi, la prevenzione e la terapia di qualsiasi situazione patologica.
Le basi del sistema diagnostico della medicina Naturale sono gia' rintracciabili nella antica tradizione Taoista e Confuciana della cultura cinese e precisamente indicato nel principio che viene chiamato Yin + Yang, i cinque movimenti con il sistema dei meridiani e degli organi.

A differenza della Medicina ufficiale, tuttavia, le Medicine Naturali richiedono di costruire, su solide basi di conoscenza dei fondamenti, un affinamento della capacità di osservazione e della sensibilità del terapeuta. 
Il procedimento della medicina ufficiale è per lo più a blocchi chiusi e rigidamente standardizzato. Un dato quadro clinico, confortato dalla coerenza dei dati di laboratorio e delle indagini diagnostiche, prevede poche e ben definite scelte terapeutiche. L'indagine è indirizzata a diagnosticare la malattia e per una data malattia esiste una determinata cura quasi sempre con farmaci di derivazione chimica, cioe' tossica.
Il procedimento delle Medicine Naturali invece molto spesso (non sempre) è di tipo dialogico.
I dati dell'osservazione non devono necessariamente essere tutti coerenti, proprio perché non appartengono alla malattia, ma alle sue manifestazioni nell'individuo e queste manifestazioni nascono dall'interferenza dei fattori che causano la malattia con le componenti dell'unità corpo-mente (psico-fisico) di quel dato soggetto.
Il medico è davanti al paziente come davanti ad un quadro: l'insieme orienta già con un'impressione immediata, ma solo dall'attento esame di come si combinano le varie linee ed i vari colori, egli può avere la conferma e la comprensione piu' particolareggiata e maggior definizione di quella prima impressione, che porta alla scelta terapeutica appropriata per il soggetto esaminato. 
Tratto in parte da:
ceaedizioni.it

vedi anche:
La teoria dei Germi e' Falsa + Definizione della parola Malattia  +  Dittatura Sanitaria  +  MEDICI IMPREPARATI

Sindrome infiammatoria chiamata "Asia" scatenata dai vaccini !
ASIA_Sindrome infiammatoria-dai-vaccini-Riassunto.pdf
Tratto da:  http://www.assis.it/wp-content/uploads/2014/12/ASIARiassunto.pdf
... ed e' noto che... le infiammazioni sono foriere di qualsiasi tipo di sintomi, che i medici impreparati allopati chiamano erroneamente "malattie"....


RICERCA DEVIATA ai MEDICINALI che MANTENGONO la MALATTIA CRONICA.
INTERVISTA al PREMIO NOBEL per la  MEDICINA: RICHARD J. ROBERTS. - MEDITATE  e CONDIVIDETE !

Il vincitore del Premio Nobel per la Medicina, Richard J.Roberts, denuncia il modo in cui operano le grandi
industrie farmaceutiche nel sistema capitalistico, anteponendo i benefici economici alla salute e rallentando lo sviluppo scientifico nella cura delle malattie perché guarire non è fruttuoso come la cronicità.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Medicina alternativa: cura 8 milioni di italiani -  10 mila medici prescrittori
- Sono piu' di 8 milioni, pari al 13,6% della popolazione, gli italiani che per curarsi scelgono le terapie non convenzionali.
I "fans" dell'altra medicina sono più donne che uomini (4,7 milioni contro 3,3 milioni), e più numerosi al Nord Est (24,7%, contro il 20% del Nord Ovest, il 16,1% del Centro, il 9,4% delle Isole e il 6,4% del Sud). I dati sono stati ricordati oggi a Milano, durante la presentazione di un Corso di alta formazione sull'integrazione in medicina, al via da novembre nelle università di Bologna, Messina, Roma La Sapienza e Verona.
La cosiddetta medicina alternativa piace anche ai medici (sono 10 mila i camici bianchi che nella Penisola suggeriscono regolarmente trattamenti non convenzionali), e conquista soprattutto i laureati (18,7%, contro il 13,5% di chi possiede la licenza media e il 9,2% di chi si è fermato a quella elementare). Numeri in ogni caso molto inferiori a quelli stranieri.
A guidare la classifica delle nazioni 'amiche' delle cure non convenzionali è la Francia (49% di utilizzatori), seguita da Germania (46%), Regno Unito (35%), Belgio (31%) e Paesi nordici (25% circa). In generale, il mercato mondiale dei 'farmaci alternativi' si aggira intorno ai 466 miliardi di dollari (dato 2003), mentre il fatturato dei soli prodotti omeopatici ammonta a 1,5 miliardi di euro (0,3% del mercato farmaceutico globale), con vendite per 300 milioni in Francia e di 200 milioni e 282 mila euro in Italia (dato 2006).
In Italia, in Parlamento - ricordano gli esperti nell'incontro milanese - si sta lavorando da anni a una legge sulle medicine non convenzionali, ma le 'Linee guida per la qualità nella formazione in medicina complementare' sono arenate da tempo.
Un problema serio - avvertono - perché, non sapendo dove e a chi indirizzarsi, i pazienti si affidano spesso a sedicenti esperti.
10 set. 2008 (Adnkronos Salute)  - Tratto da Adnokronos.com


Le Malattie Inventate - vedi anche Panorama del 27 febbraio 2006
Nuove sindromi definite a tavolino. Fattori di rischio trasformati in patologie. Alti e bassi della vita considerati gravi disturbi.
Ecco come l'industria farmaceutica ci trasforma tutti in pazienti.....per vendere sempre più farmaci e Vaccini.

HOME