Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


I VERI NEMICI della FLORA BATTERICA INTESTINALE e CORPOREA

Ricordarsi che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e della mucosa intestinale influenzano  la salute, 
non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo

Per l'elenco dei fermenti utili per l'intestino, vedi QUI +  Feci e Fermenti

Aziende Produttrici e/o che commercializzano Fitoterapici
Sindrome della permeabilita' intestinale ed autismo
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica
 

I Vaccini, Amalgami dentali, Antibiotici ma anche tutti i farmaci di sintesi, e l'alcool di vino ed alcolici, sono i peggiori nemici dei fermenti autoctoni biovitali (flora batterica intestinale), oltre alla:  Acidosi=riordino del pH
Ricordarsi che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e e della mucosa intestinale influenzano  la salute,  non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.

Vaccini, amalgami, antibiotici ed in genere tutti farmaci di sintesi, determinano immediatamente uno squilibrio nella quantità e qualità dei batteri benefici (autoctoni) , favoriscono e spingono questi microrganismi a mutare forma e funzione permettendo loro, per l'assenza di bio antagonisti, eliminati nelle feci o mutati anch'essi, di colonizzare l'intestino e di conseguenza ed in certi casi altre parti del corpo.
Classico esempio sono i funghi (nota e' la Candida e sue varianti) che pur essendo autoctoni e biovitali (nel momento che sono nei giusti valori di quantità e funzione perche' hanno batteri autoctoni antagonisti che ne regolano le quantita'), quando nell'intestino vengono inseriti quei prodotti nocivi essi se ne nutrono e/o cambiano forma e funzione per poter sopravvivere, ma divengono nocivi (patogeni) per l'ospitante.

Altri fattori che riducono la presenza di batteri intestinali "buoni" sono: in modo particolare i vaccini, farmaci, vino, alcolici, l'acqua contenente fluoro o cloro, la carne con residui di farmaci, i residui di pesticidi nella carne e nell'acqua, grassi, carni rosse e alimenti raffinati dall'industria alimentare, il pane, pasta, pizza  contenenti lievito di birra, l'uso eccessivo di zuccheri, una dieta non sana, equilibrata e con i giusti abbinamenti dei cibi e lo stress cronico generato dai Conflitti Spirituali irrisolti, motori e Cause primarie del Cancro.

Per iniziare in modo chiaro a parlare di fermenti lattici è importante una premessa: il nome.  
Vengono chiamati fermenti lattici, perche il prodotto di degradazione principale è l'acido lattico. Questa sostanza si ricava dalla fermentazione di zuccheri di varia origine (anche le fibre e il cotone come il lino sono composti da zuccheri). Il latte non c'entra nulla !
Il fatto che alcuni batteri vengano usati per trasformare gli zuccheri del latte in acido lattico producendo quello che noi chiamiamo yogurt ha creato questo fraintendimento.

PROMEMORIA:
quando le feci NON galleggiano nel W.C. significa che vi sono oltre al
pH errato e non adatto nel colon, anche la mancanza di Fermenti (i vari tipi Bifidus e Ramnosus), quindi integrare subito con le apposite capsule.
vedi: Fermenti e batteri autoctoni


I nanobatteri: una nuova forma di vita ?
http://www.lescienze.it/news/2004/05/23/news/i_nanobatteri_una_nuova_forma_di_vita_-586531/

Dott. Luciano Lozio, video su Intestino e salute

Flora Batterica (tratto da Wikipedia Inglese)
La flora batterica consiste di microorganismi che vivono nel tratto digestivo degli animali, ed è il più grande serbatoio della flora umana. Il corpo umano, che consiste all'incirca di 100 trilioni di cellule, trasporta negli intestini circa dieci volte tanto tali microorganismi. Le attività metaboliche svolte da questi batteri sembrano quelle di un organo, portando alcune persone a comparare i batteri intestinali come ad un organo "dimenticato". Si stima che questi batteri intestinali abbiano circa 100 volte tanto i geni in aggregato di quanti ce ne siano nel genoma umano.
I batteri nel colon costituiscono la maggior parte della flora ed il 60% della massa secca delle feci. Nell'intestino vivono circa dalle 300 alle 1000 specie diverse, stimate intorno alle 500. E' probabile che il 99% dei batteri appartenga a 30 o 40 specie.
I funghi ed i protozoi costituiscono anch'essi parte della flora intestinale, ma ancora poco si conosce delle loro attività.
Gli studi suggeriscono che la relazione tra la flora intestinale e gli umani non sia solamente commensale (una co-esistenza non dannosa), ma che invece sia una mutua relazione simbiotica benefica.
Sebbene le persone possano vivere senza la flora intestinale (??), i microorganismi svolgono molte funzioni utili, come per esempio la fermentazione di substrati di energia inutilizzati, allenano il sistema immunitario, impediscono la crescita di batteri nocivi e patogeni, regolano lo sviluppo del budello, producono vitamine per il portatore (come la biotina e la vitamina K), e producono ormoni che dirigono l'ospite ad accumulare grassi. In certe condizioni, alcune specie sono in grado di causare malattie provocando infezioni oppure di aumentare il rischio di cancro nel portatore.
Più del 99% dei batteri nell'intestino sono anaerobici, ma nell'intestino cieco, i batteri aerobici raggiungono grandi densità.
Diversamente dalla maggior parte delle sostanze nutritive, l'assorbimento della vitamina B12 in realtà comincia dalla bocca dove piccole quantità di B12 cristallina slegata possono essere assorbite attraverso la membrana mucosa.

Le RICERCHE MOSTRANO un NESSO fra MICROBIOMA Intestinale (intestino) e CERVELLO - 09/01/2015
Chiamate collettivamente microbioma, le migliaia di miliardi di microbi che abitano il corpo umano vivono principalmente nell’intestino, dove ci aiutano a digerire il cibo, a sintetizzare le vitamine e a difenderci dalle infezioni. Ora, recenti ricerche sul microbioma hanno dimostrato che la sua influenza si estende ben oltre l’intestino, fino ad arrivare al cervello. Negli ultimi 10 anni, vari studi hanno collegato il microbioma intestinale a una serie di comportamenti complessi, come umori ed emozioni, appetito e ansia.
Il microbioma intestinale sembra contribuire al mantenimento della funzionalità cerebrale, ma non solo: potrebbe anche incidere sul rischio di disturbi psichiatrici e neurologici, fra cui ansia, depressione e autismo. Una delle modalità più sorprendenti con cui il microbioma influisce sul cervello è durante lo sviluppo.
“Esistono delle finestre evolutive critiche in cui il cervello è più vulnerabile poiché si sta preparando a rispondere al mondo circostante”, spiega Tracy Baie, docente di neuroscienze presso la facoltà di veterinaria dell’Università della Pennsylvania. “Così, se l’ecosistema microbico della madre si modifica - per esempio a causa di infezioni, stress  o diete - ciò cambierà il micro bioma intestinale del neonato, e gli effetti possono durare tutta la vita.”
Altri ricercatori stanno esplorando la possibilità che il microbioma abbia un ruolo nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.
Fonte: MedicalXpress.com : http://tinyurl.com/kaa2j36

Commento NdR: ma cio’ puo’ accadere anche e non solo per i vaccini che il neonato subisce dai due, tre mesi  in avanti…infatti se una madre ha delle amalgami dentali in bocca (contengono mercurio) il neonato potra’ subire delle conseguenze anche gravi.

A conferma ulteriore:
Caro Massimo Montinari, (medico=curriculum)
i tuoi colleghi polacchi, inglesi e texani hanno pubblicato un interessante review su Mayo Clin Proc, 2014: 1699-1709. Marlicz W et al analizzano i dati in letteratura sui farmaci antinfiammatori non steroidei (NSAIDs) spesso associati agli inibitori di pompa protonica (IPPs).
In questo studio considerano una meta analisi condotta da Trelle S et al nel 2011, pubblicata su BMJ, 2011; 342:c7086, su oltre 116000 pazienti che riporta un aumento di infarti del miocardio e decessi cardiovascolari, dato che piacerà sicuramente al dott. Guido Balestra, stroke in questi pazienti in terapia NSAID selettivi e non selettivi.
Continua QUI


vedi: I Germi non sono le cause delle malattie