Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


PROPRIETA' dell'ACQUA
visionare questi VIDEO sull'acqua e le sue proprieta' (1° video)
http://www.youtube.com/user/leallo1#p/a/u/1/ixonZkxEzXo (2° video)
E' INDISPENSABILE per stare sempre BENE e' l'assunzione quotidiana,
per certi periodi, di acqua Basica a pH min. di 7,35 > 11 (almeno 1,5 lt)
Le bevande troppo saline e/o le bevande industriali, non vanno bevute giornalmente e/o spesso,
anche e per le loro forti acidita', in quanto influiscono sull'alterazione dei giusti valori di pH dell'acqua del corpo.

L'acidosi e' la base fisiologica del Cancro -  Il Conflitto Spirituale Irrisolto, ne e' la Causa primaria

Se vuoi conoscere il tuo stato di Benessere e migliorarlo con queste speciali apparecchiature modernissime
che neppure gli ospedali hanno, prenota via mail la consulenza QUI
Esso permette anche di analizzare qualsiasi prodotto esistente e la sua compatibilita' o meno, con il soggetto analizzato
....

vedi anche: Medicina Quantistica
Quindi se volete fare un Test di Bioelettronica (test di controllo del livello di Salute_benessere)
....
-
scrivete QUI: info@mednat.org

 

Le due facce dell'acqua - Un liquido diverso dagli altri
Sofisticate analisi spettroscopiche mostrano che a fianco della struttura a gruppi tetraedrici di molecole si manifesta anche una seconda, meno definita struttura.

Diagramma delle Fasi dell'Acqua
 + Proprieta' dell'acqua + Biorisonanza  +  Memoria e risonanza  + Memoria Biologica  +  Benveniste: La storia della cosiddetta Bufala + Risonanza dell'acqua + INFORMAZIONE, CAMPO UNIVERSALE e SOSTANZA - Campi MORFOGENETICI DOMINII di COERENZA  +  Cimatica  +  Neutroni dagli ultrasuoni

Continua
QUI: Biofotoni + Bioelettronica + Cellule


Si consiglia di leggere anche: http://www.magnetoterapiadocet.com/dett-acqua.asp

Visionare il Video che trovate in: Memoria delll'acqua 1 + Vari terreni

L'acqua si comporta in modo differente dagli altri liquidi: ha una notevole capacità di trasporto del calore, allo stato solido è meno densa di quando è liquida, ha una tensione superficiale insolitamente elevata...
Tutte queste proprietà sono essenziali perché essa possa svolgere il suo ruolo essenziale per lo sviluppo della vita, eppure il comportamento dell'acqua allo stato liquido non è ancora del tutto compreso ed è ancor oggi oggetto di dibattito.
L'acqua ha la proprieta' di rendersi coerente od incoerente a seconda dello stato Psichico e fisiologico del soggetto, in quanto il campo CEM (elettromagnetico) dell'organismo acquoso che noi siamo, e' interdipendente da Psiche e dal Cosmo.

Ora un gruppo internazionale di ricercatori che fanno capo allo Stanford Linear Accelerator Center (SLAC), all'Università di Hiroshima e a quella di Stoccolma mette radicalmente in questione il quadro generalmente accettato di quello che sarebbe il comportamento dell'acqua allo stato liquido, secondo cui quando l'acqua passo dallo stato di ghiaccio a quello liquido si libererebbe dagli stretti vincoli tipici della fase solida, ma le sue molecole conserverebbero comunque una disposizione in gruppi tetraedrici.

Come viene spiegato in un articolo apparso sull'ultimo numero delle Chemical Physics Letters, sfruttando tecniche di spettroscopia a emissione e assorbimento X, il gruppo di ricercatori coordinato da Anders Nilsson ha infatti scoperto che a fianco dei gruppi tetraedrici si manifesta anche una seconda, meno definita struttura.

L'idea che l'acqua in fase liquida sia costituita da due strutture e non da una non è nuova, essendo stata già avanzata alla fine del XIX secolo da Willhelm Conrad Röntgen, lo scopritore dei raggi X. "E' sorprendente come l'uso moderno dei raggi X dimostri che Röntgen, più di cento anni fa, avesse ragione", ha osservato Nilsson.

I ricercatori hanno infatti utilizzato in modo essenziale i raggi X generati da una fonte di luce di sincrotrone, sintonizzandoli su uno specifico range di energie per eccitare così gli elettroni all'interno dei singoli atomi di ossigeno delle molecole d'acqua e quindi mettere in evidenza con straordinaria precisione la localizzazione e la disposizione delle molecole stesse.
"Nell'ultimo decennio abbiamo scoperto che materiali un tempo considerati omogenei mostrano alle nanoscale un ordine più complesso", ha commentato Jo Stöhr, direttore dello SLAC. "Penso che questo lavoro sull'acqua rappresenti un altro esempio della reale complessità della materia, anche nello stato semplice di liquido. Le moderne tecniche con i raggi X sembrano poter avviare una nuova comprensione dei liquidi, e potremmo essere solo all'inizio di un cambiamento di paradigma nelle nostre concezioni."
La conoscenza dell'esatta struttura molecolare dell'acqua e del suo comportamento può avere importanti risvolti in campo chimico, biologico e medico, ricordano i ricercatori. (gg) - Luglio 2008
Tratto da: lescienze.espresso.repubblica.it

vedi:
CLUSTER delle molecole dell'ACQUA
 + Coerenza elettrodinamica + Segreti dell'Acqua
MEMORIA dell’ACQUA e del SANGUE 

Se vuoi conoscere il tuo stato di Benessere e migliorarlo con queste speciali apparecchiature modernissime,  che neppure gli ospedali hanno, prenota via mail la consulenza QUI. Esso permette anche di analizzare qualsiasi prodotto esistente e la sua compatibilita' o meno, con il soggetto analizzato.
vedi anche: Medicina Quantistica
Quindi se volete fare un Test di Bioelettronica (test di controllo del livello di Salute_benessere)
....
-
scrivete QUI: info@mednat.org

Studiare l'acqua

L’ACQUA: MEDICINA del FUTURO ? - Maggio 2010
Ad aprire i lavori del 25° Congresso di Medicina Biologica, promosso dall’AIOT con il sostegno di GUNA Spa, l’azienda leader in Italia nel settore delle medicine non convenzionali, è stata l’onorevole Paola Frassinetti, vicepresidente della Commissione Cultura della Camera che, nel suo intervento, ha ribadito “la necessità che l’Italia si adegui alla maggior parte delle nazioni europee, provvedendo alla registrazione sulla Gazzetta Ufficiale dei farmaci omeopatici” .“E’ infatti necessario –  ha continuato  Frassinetti – delineare un quadro normativo il più possibile chiaro e definito per favorire lo sviluppo delle imprese del settore, con conseguente creazione di nuovi posti di lavoro. Auspico inoltre che la ricerca scientifica nel settore dell’omeopatia venga potenziata, così come la formazione nelle università”.
La grande protagonista del congresso è stata l’acqua biologica, presente in tutti gli organismi viventi, e soprattutto la sua capacità di diffondere e conservare informazioni di rilevanza biologica.

Partendo dalle intuizioni del fisico italiano Giuliano Preparata, a cui è stato dedicato il congresso, il premio Nobel per la Medicina Luc Montagnier, insieme a fisici e ricercatori italiani di fama internazionale, ha illustrato i risultati raggiunti dalla ricerca e i suoi futuri sviluppi.
I segnali elettromagnetici presenti nell’acqua possono infatti essere letti e decifrati, e sono riconducibili alla presenza o meno di una “memoria patologica”: intervenendo sulla presenza di tale “memoria-reservoir” si prospettano ampie possibilità di trattamento e di terapia delle malattie croniche che sono collegate anche a precise condizioni “informative” presenti nell’acqua biologica, cambiando di fatto la vita a milioni di persone costrette all’assunzione di farmaci salvavita, indispensabili ma che a volte recano con se pesanti effetti collaterali.
Diventa inoltre sempre più concreta la possibilità mettere a punto sistemi di cura basati su acqua informata con il segnale elettromagnetico proveniente sia dalla persona stessa (es. da DNA) che dalle molecole di farmaci (sia naturali che di sintesi), a conferma della pista di ricerca studi sulla possibilità di trasferire il segnale di un rimedio omeopatico nell’acqua per via elettromagnetica.
Una pista di ricerca innovativa: dal concetto bio-chimico del ”tanto più, tanto meglio” (alta dose di principio attivo uguale ad alta efficacia) alle nuove frontiere fisiche della “low-dose-medicine”: l’acqua subisce un azione di “informazione” indotta dall’esterno e si fa “medium” verso gli organi del corpo umano, garantendo un livello di efficacia più che adeguata senza il rischio di effetti collaterali potenzialmente pericolosi.
http://www.youtube.com/user/GUNATV#p/a/u/0/KPzi3rFZuM0


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Proprieta' dell'acqua ancora TUTTE da scoprire...
Italy, Torino, 4 aprile 2014 – Sono ingegneri, del settore meccanico afferenti al Dipartimento Energia del Politecnico di Torino, e in collaborazione con lo Houston Methodist Research Institute (Texas, USA) hanno realizzato un modello che promette di fornire un grande contributo alla medicina, ma non solo. La prestigiosa rivista Nature CommunicationsMission : Company information : About NPG ha appena pubblicato la loro ricerca che parte dall’acqua e dalle sue innumerevoli proprietà, molte delle quali ancora da scoprire.
Codifica le sorprendenti caratteristiche dell’acqua in prossimità di superfici solide alla nanoscala. Prima applicazione, il potenziamento delle proprietà degli agenti di contrasto nella risonanza magnetica.
L'acqua alla nanoscala ci aiuterà a progettare tecnologie innovative dalla medicina all'energia rinnovabile.
Nuotare in una piscina riempita di miele. Questa è la sensazione che deve “provare” una molecola di acqua entro pochi nanometri da una superficie solida, cioè quando si considerano distanze circa diecimila volte più piccole del diametro di un capello. Il fenomeno di riduzione di mobilità dell’acqua in prossimità di superfici alla nanoscala, già noto nella comunità scientifica come “nanoconfinamento”, è dovuto alle forze attrattive elettrostatiche e di van der Waals, predominanti a quelle scale.
I ricercatori del Politecnico di Torino e dello Houston Methodist Research Institute hanno però fatto un passo ulteriore: per la prima volta sono riusciti a dare un’interpretazione fisica e una quantificazione di questo fenomeno, tramite un modello che mette in relazione le caratteristiche geometriche, chimiche e fisiche di una qualsiasi superficie nanoconfinante (es. proteine, nanotubi di carbonio, nanopori di silice, nanoparticelle ferrose) alla proprietà di “supercooling” dell’acqua, ovvero ad uno stato simile a quello liquido che permane anche a temperature ben inferiori a 0° centigradi, nel caso in cui ci si trovi in prossimità di superfici alla nanoscala.
Questo è il risultato a cui sono giunti, dopo più di due anni di ricerche ed esperimenti in silico (cioè al computer) ed in vitro (cioè in laboratorio), Eliodoro Chiavazzo, Matteo Fasano, Pietro Asinari (Multi-Scale Modelling Lab, Dipartimento Energia al Politecnico di Torino) e Paolo Decuzzi (Center for the Rational Design of Multifunctional Nanoconstructs dello Houston Methodist Research Institute).
Il rilievo della scoperta è dato dal suo immediato impatto nell’ottimizzazione e progettazione di tecnologie innovative in una vasta gamma di ambiti: dalla fisica tecnica (es. “nanofluidi” formati da acqua e nanoparticelle per lo scambio termico ad elevate prestazioni) all’energia sostenibile (es. batterie termiche che utilizzano acqua nanoadsorbita per accumulare calore); dal rilevamento e rimozione di inquinanti nell'acqua (es. mediante “nanofiltri” molecolari) alla nanomedicina.
Proprio la nanomedicina è il settore in cui la scoperta pubblicata su Nature Communications trova una prima applicazione. Ogni anno si stima che circa sessanta milioni di risonanze magnetiche siano effettuate a fini diagnostici. Nell’ultimo decennio questa tecnologia ha giovato dei notevoli progressi scientifici nel settore, che l’hanno resa sempre più precisa e nitida nella diagnosi di patologie di vario genere. Uno dei maggiori contributi nell’aumento di prestazioni della risonanza magnetica proviene dagli agenti di contrasto, sostanze che, se introdotte nel paziente, rendono maggiormente visibili i dettagli dei tessuti in cui tendono a depositarsi, aumentando così il contrasto dell’immagine ottenuta dallo scanner.

La ricerca in oggetto ha permesso di spiegare l'aumento di prestazioni degli agenti di contrasto che si basano sul nanoconfinamento dell'acqua, in fase di sviluppo e test in vivo presso lo Houston Methodist Research Institute, rispetto a quelli già presenti sul mercato. Tale ricerca pone le basi per progettare nuove soluzioni ad oggi inesplorate, ad esempio, per migliorare la qualità delle immagini ottenute tramite risonanza magnetica, offrendo quindi la potenzialità di diagnosi più accurate e precoci per milioni di pazienti ogni anno.
Sono già in fase evoluta e di prossima pubblicazione ulteriori ricerche, condotte da Paolo Decuzzi con un gruppo di ricerca più esteso e multidisciplinare di cui fa parte anche lo stesso team del Politecnico, che apre le porte alla possibilità di realizzare “nano-trasportatori” polimerici o di silicio contenenti agenti di contrasto ferrosi, non solo in grado di migliorare la nitidezza delle immagini da risonanza magnetica, ma allo stesso tempo di accumularsi specificatamente nella zona affetta da patologia, grazie alla guida magnetica esterna. Accumulo che rende poi possibile un rilascio controllato di agenti terapeutici oppure un trattamento ipertermico localizzato, offrendo così un approccio “teragnostico” alla lotta contro il cancro, cioè contemporaneamente terapeutico e diagnostico.
Tratto da: lescienze.it

Se vuoi conoscere il tuo stato di Benessere e migliorarlo con queste speciali apparecchiature modernissime,  che neppure gli ospedali hanno, prenota via mail la consulenza QUI. Esso permette anche di analizzare qualsiasi prodotto esistente e la sua compatibilita' o meno, con il soggetto analizzato.
vedi anche: Medicina Quantistica
Quindi se volete fare un Test di Bioelettronica (test di controllo del livello di Salute_benessere)
....
-
scrivete QUI: info@mednat.org