Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


AGRICOLTURA BIODINAMICA
 

BIODINAMICA in AGRICOLTURA
Attraverso questo tipo di agricoltura, è possibile ritrovare il senso di un lavoro agricolo in armonia con la natura e le sue leggi, dove l’uomo torna a essere regista consapevole del suo equilibrio.
Applicata in tutto il mondo dal 1924 da aziende di ogni estensione e tipologia, essa parte dal fondamento che l’azienda agricola è un vero e proprio organismo vivente a ciclo chiuso, inserito nel più grande organismo vivente cosmico, alle cui influenze soggiace. L’agricoltore biodinamico conosce tali influenze e conseguentemente adotta un metodo pratico che le favorisce, col risultato di avere terreni fertili e vitali e prodotti salubri.
È un apporto di conoscenze che si offre a integrazione della cultura agronomica ufficiale, determinandone il rinnovamento in uno spirito più etico ed estetico e che favorisce una nuova professionalità dell'agricoltore, cosciente e corresponsabile.
L'obiettivo ultimo è quello di poter fornire alimenti adatti a una umanità e ad un ambiente planetario sempre in evoluzione. Riuscire ad aver cura della terra per aver cura dell'uomo e viceversa, secondo il  metodo scientifico iniziato da Rudolf Steiner

Gli agricoltori dell’antichità tenevano conto dei cicli lunari per la semina
, rotazioni, piantagioni, concimazioni e potature. Oggi parlare di queste tecniche, sembra di parlare di superstizione, ma alcune aziende agricole dell’associazione biodinamica italiana hanno dimostrato con anni di agricoltura legata a quelle tecniche che trattasi di antica sapiente scienza persa con l’avvento dell’agricoltura “moderna” ormai gestita dalle multinazionali della chimica, che stanno rovinando i terreni agricoli, inquinando le falde acquifere e depauperando l’humus vitale del terreno rendendolo sterile con i concimi chimici che propinano agli ignari agricoltori, i quali poi producono cibi per l’alimentazione umana ed animale di scarsa e cattiva qualità, che ammalano coloro che si alimentano di quei prodotti. 
Per fortuna da qualche decennio proprio qui in Italia è nato il risorgimento dell’agricoltura naturale detta Biodinamica.

ATTENZIONE
- USA: Il Senato degli States sta varando una legge (Gen. 2010) che impedira' l'utilizzo dell'agricoltura biologica in tutti gli Stati Uniti.....questa la forza delle criminali multinazionali agroalimentari degli OGM....
vedi: PDF in Inglese

Far  crescere le piante senza annaffiarle:
http://nexusedizioni.it/it/CT/il-metodo-pascal-per-far-crescere-le-piante-ricche-di-nutrienti-senza-annaffiarle-5206

India, echi di una strage (suicidi degli agricoltori, le cause) - 23/09/2016
http://temi.repubblica.it/micromega-online/india-echi-di-una-strage/

vedi:  Ortopertutti + Le Piante Aromatiche + http://www.eticamente.net/40442/guida-per-lorto-sinergico-come-realizzare-lorto-piu-naturale-assoluto.html

TESTIMONIANZA sulla Agricoltura BIODINAMICA
Io me ne occupo da 2 anni circa, insieme ad un amico. Una parte del suo terreno l'abbiamo adibito ad un avvicendamento studiato a tavolino.
Come produttrici di concime abbiamo scelto le galline. Avevamo anche  capre ma le abbiamo tolte (facevano troppo casino). Siamo partiti da un  ceppo “bastardo”, molto forte, le galline del babbo, che erano già ottime covatrici. Non avendo a disposizione purosangue ci siamo rivolti a degli ibridi commerciali, più precisamente delle "Kabir" collo nudo (molto diffuse nei consorzi agrari). Tutto sommato si sono adattate bene. Il gallo lo abbiamo preso da un pollaio  amatoriale, un “bastandone” molto forte e leggero che ha a disposizione un harem molto sovradimensionato, 24 femmine, ma se la sta  cavando molto bene, ha due anni, è maturo e vigoroso. Non possiamo dargli un gallo di sostegno perchè lo ucciderebbe.
Il ricovero, per motivi economici, non è un'arca su ruote o altro, ma è in pareti di canne, smontabile. Il mio amico fra l'altro ha un grosso senso estetico: i nidi sono ricavati con dei cestelli di lavatrice inox.
Abbiamo comprato un'incubatrice da 50 uova (non abbiamo ancora chiocce affidabili), ma non riusciamo a trovare le uova.
Ci piacerebbe trovare delle livornesi o piemontesi (molto rare). Le penne devono essere bianche (piacciono molto ai consumatori). Le uova bianco candido.
Per ora sono in un terreno semi-incolto; abbiamo predisposto un nuovo pascolo che stiamo irrigando a pioggia. Abbiamo seminato un mix di cereali (principalmente orzo e avena) e leguminose (favino soprattutto), oltre a trifoglio, ortica ed una piccola pazzia... erba medica. Il luogo scelto aveva già un'ottima ombreggiatura, un frutteto (filari di arance, pesche, ecc... e qualche olivo).
Abbiamo fatto il grosso errore di fresare ed abbiamo frantumato eccessivamente la cotica superficiale, il prossimo anno ci siamo ripromessi solamente un passaggio di erpice. Il pascolo delle galline diventa terra bruciata, nonostante siamo sempre sopra i 10 mq per capo.
Il pascolo dell'anno scorso quest'anno è diventato un orto ed abbiamo degli ottimi risultati. Stiamo irrigando a goccia naturalmente ed abbiamo di tutto (zucchine, melanzane, fagioli, piselli, carote... anche qualche melone e cocomero).
Nel frattempo abbiamo un altro appezzamento con fave per azotare. Un altro pezzo mix cereali - legumi stiamo falciando come integrazione alimentare.
Lavoriamo solo sul venduto e non riusciamo a stare dietro alle richieste; contiamo di espanderci parecchio, ma sinceramente non abbiamo soldi.
Abbiamo un elenco di clienti molto selezionato ed una contabilità ”artigianale”. Vendiamo poco a prezzi da strozzinaggio.
Ad esempio, le galline le stiamo vendendo a 8 Euro al chilo, sono tutte oltre i 3 chili:
se oggi ne avessi a disposizione 20 o 30, domani le avrei già vendute. Ma vogliamo alleggerirle, per fare il pollo mono porzione (si lamentano tutti che sono troppo grosse, vanno sezionate... le famiglie umane sono sempre più piccole).
Noi cerchiamo di fare una cosa “semplice”: avere il migliore prodotto al mondo, senza limitazione alcuna.
Non usiamo concimi chimici, non vacciniamo, lavoriamo molto puliti, stiamo attenti a segregare subito un animale malato, ecc. Puliamo tutto e tutti i giorni e portiamo nell'orto. Le lettiere sono gli stessi residui del mix alimentare, oltre all'integrazione in verdure scadenti.
 I nostri clienti spesso ci portano gratis il “verde” fresco di 3 - 4 giorni raccolto in casa, oltre a pane duro ed altro. Sono felici di riciclare !
Questo però è sintomo che non siamo ancora a regime: nel biodinamico non bisognerebbe usare la cariola, ma il ciclo alimento - letame - coltivazione dovrebbe essere avvicendato e “statico”.
Tutto questo oltre che necessario nel biodinamico da una piacevole sensazione al cliente che ci viene a trovare, una sensazione da “giardino delle delizie”.
Riusciamo ad avere qualche soldo in tasca, siamo soddisfatti, siamo felici. Solo le nostre mogli si lamentano sempre e strillano di togliere le scarpe prima di entrare in casa..

P.S.: abbiamo una poiana che ci ha fatto fuori una decina di pulcini... Ma  il mio amico dice che “la sistema lui, di stare tranquillo”; non so come intende fare.
By BTW - barrylyndon@libero.it - Tratto da Usenet


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

AGRICOLTURA BIODINAMICA - Salvezza del Pianeta !
L'agricoltura Biodinamica fu fondata dal filosofo austriaco Rudolf Steiner (1861-1925) negli anni venti. Steiner è noto per essere stato il padre della cosiddetta antroposofia, disciplina medico-scientifico-filosofica.
Steiner si occupò di: psicologia all'educazione,'arte all'economia fino a includere la medicina. Non sorprende quindi che tra i suoi interessi compaia anche l'agricoltura.
Steiner si interessò di agricoltura negli ultimi anni della propria vita e nel 1924, a Koberwitz, tenne un ciclo di otto conferenze il cui tema principale era la salute della terra, il mantenimento e l'accrescimento della sua fertilità con lo scopo di migliorare la qualità degli alimenti destinati all'alimentazione umana.
Gli obiettivi che l'agricoltura biodinamica si propone sono molto diversi da quelli dell'agricoltura chimica e possono essere sintetizzati nei seguenti punti:
1) mantenere la fertilità della terra, dandole da mangiare (tecnica del sovescio)
Questa pratica è molto utile in quanto vi sono piante che arricchiscono il terreno di elementi nutritivi, mentre altre lo impoveriscono.
2) mantenere le piante in buona salute per consentire loro di resistere alle malattie e ai parassiti, nutrendole con un buon ammendante agricolo appositamente preparato con mesi di fermentazione, per aumentare la qualità degli alimenti prodotti.
3) I prodotti Biodinamici in commercio tipo 501 ecc: sono otto e ci dicono che siano in grado di rigenerare e rimineralizzare il terreno in 3-4 anni.
I suoi seguaci hanno poi completato i fondamenti su cui si basa questa tecnica agricola.
Una pratica ritenuta di fondamentale importanza consiste nello spruzzare il terreno con "preparati biodinamici", ottenuti da letame, polvere di quarzo o sostanze vegetali, in diluizione omeopatica. L'irrorazione del terreno con tali preparati deve seguire tempi determinati legati ai cicli lunari.  
Tratto da Agricolturabiodinamica.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Questa tecnica già teorizzata nel 1924 da Rudolf Steiner che indicò a certi agricoltori tedeschi preoccupati perché i loro terreni divenivano sterili dopo qualche anno di utilizzo dei concimi chimici.
Da quella data questo tipo di agricoltura rimase silente ed avvolta in un alone di mistero.
Ora sta prepotentemente tornando alla ribalta, anche se ancora sovvenzionata finanziariamente dalla comunità europea con fondi speciali, in quanto riconvertire i terreni implica per qualche anno avere un’azienda a agricola in perdita.  
Ma comunque un tempo metodo di nicchia, oggi sta conoscendo un mini boom. I terreni cosi trattati rimangono sempre fertili e forniscono prodotti dall’ottimo gusto e con sostanze organolettiche di qualità.
In Italia vi sono circa 470 aziende su 5 mila ettari (il 51% al Nord) che aumentano del 10% ogni anno.
I cittadini chiedono sempre più cibi che abbiano un buon sapore, e che forniscano un’alimentazione sana ed esente da inquinamento chimico.
L’agricoltura intensiva impiega i nitrati in modo massiccio, sconvolgendo il bilancio energetico del terreno ed impedendo di conseguenza la formazione di un humus completo, vitale e risanatore.
L’eccesso di questi prodotti azotati, oltre a rovinare i terreni distruggendo l’humus vitale facendo nascere le piantine deboli che sono molto più facilmente aggredite da parassiti, microrganismi (funghi e batteri),inquina anche le falde acquifere.
Anche nell’agricoltura detta biologica, si commettono errori che possono produrre frutti e piantine deboli e non sane, specie se si utilizzano letami non sufficientemente fermentati e non trattati in modo biodinamico.
Il terreno è un organismo complesso e va come tale trattato con i “crismi” necessari che le attuali scuole ufficiali di agricoltura anche universitarie, non sono in grado di insegnare.
La Biodinamica è anche in grado di curare oltre ai terreni (con achillea, camomilla, tarassaco,  valeriana, ortica, corteccia di quercia che si fanno fermentare aggiungendo in certi casi anche prodotti animali come cranio, intestino di bovino per potenziare l’humus) anche le piantine appena nate nei vivai, con appositi preparati fitoterapici.
L’azienda agricola biodinamica deve essere a ciclo chiuso, cioè produrre da sola tutti i prodotti necessari alla salute del suolo, delle piante, in modo da poter tenere sotto controllo ogni situazione anomala che si presentasse.
Per ulteriori informazioni: Ass. per l’agricoltura Biodinamica – www.rudolfsteiner.it


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Agricoltura biodinamica

Tratto da: Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

L'agricoltura biodinamica è un metodo che comprende sistemi sostenibili per la produzione agricola, in particolare di cibo, che rispettino tutto il creato. È basata sugli insegnamenti del filosofo esoterista austriaco Rudolf Steiner; include l'idea di agricoltura biologica e invita a considerare come un unico sistema il suolo e la vita che si sviluppa su di esso.

Due principi che si possono ritenere tipici della teoria biodinamica di Steiner hanno a che vedere col compostaggio e con le fasi della Luna. Nella pratica questi principi vanno ben oltre la considerazione posta usualmente nell'agricoltura pre-moderna, o nella controparte odierna all'interno del movimento dell'agricoltura biologica.
 

I preparati biodinamici

Il metodo biodinamico considera ogni sostanza come un binomio di materia e forza vitale; più una sostanza è diluita (meno materia c'è), più ha effetto sugli organismi con cui viene a contatto. Il principio è simile a quello che sta alla base dell'Omeopatia.

Per migliorare la qualità del terreno, aumentandone la quantità di humus, e allo stesso tempo migliorare la qualità del raccolto, si impiegano delle sostanze di origine naturale appositamente trattate, che vengono chiamate "preparati". Ne esistono di due tipi: da spruzzo e da cumulo.

I preparati per il compostaggio ("da cumulo") vengono aggiunti al cumulo di materiale da compostare, al fine di facilitarne la decomposizione in humus e terriccio. Steiner suggeriva che la precisa composizione, posizione, forma e manipolazione di una pila di composta fosse critica per raggiungere il risultato migliore. I preparati da cumulo sono in tutto sei e sono ottenuti a partire da erbe officinali (Achillea millefolium, Matricaria chamomilla, Urtica dioica, Quercus robur, Taraxacum officinalis, Valeriana officinalis) ognuna fatta compostare o macerare in condizioni ambientali particolari e impiegando come contenitori parti dei corpi di animali. Questo perché, sempre secondo la teoria delle forze vitali, ambiente e contenitore influenzano le caratteristiche del materiale finale.

I preparati da spruzzo sono invece solo due, "cornosilice", a base di quarzo macinato, e "cornoletame", a base di letame di vacca. In questo caso il contenitore che serve alla loro preparazione è il corno di vacca. Le corna vengono svuotate e riempite con quarzo o letame, e sotterrate per sei mesi. Trascorso questo periodo il preparato può essere conservato per diverso tempo. Il cornosilice viene spruzzato sulle piante e ne stimola la fruttificazione e i processi legati alla fotosintesi e alla luce. Il cornoletame viene spruzzato sul suolo e ne aumenta il contenuto in humus, agendo di conseguenza sullo sviluppo radicale e sulla nutrizione della pianta.

Tutti i preparati vengono usati in piccolissime quantità, quelli da spruzzo vengono distribuiti dopo essere stati "dinamizzati", ossia mescolati secondo un certo metodo e per un certo tempo.
 

Il calendario delle semine

Gli studi di Lilly Kolisko prima e di Maria Thun in seguito, hanno evidenziato l'esistenza di relazioni fra l'esito delle coltivazioni e la posizione della luna e di altri pianeti al momento dell'operazione colturale svolta. Maria Thun pubblica ogni anno un calendario delle semine, basato su effemeridi diverse da quelle astrologiche, nel quale illustra l'esito degli ultimi studi e indica i momenti critici per il buon esito delle operazioni agricole.


Metodi di analisi della qualità

La biodinamica evidenzia come le analisi tradizionali, basate sul riduzionismo, non permettano di cogliere l'insieme di un fenomeno. Per analizzare una caratteristica qualitativa come la “vitalità” di un alimento o di un suolo, sono stati messi a punto vari metodi di analisi che si basano sull'osservazione di cromatografie e di cristallizzazioni, ottenute da soluzioni del campione miste a soluzioni reagenti. Le analisi per immagini sono uno strumento di verifica del buon andamento dell'applicazione del metodo biodinamico, che ha come scopo un incremento della qualità e della vitalità del suolo e degli alimenti prodotti.


Diffusione dell'agricoltura biodinamica

L'agricoltura biodinamica è praticata in tutto il mondo, esiste una Associazione per l'Agricoltura Biodinamica che organizza corsi, fornisce consulenze e lavora per la promozione del metodo biodinamico. Buona parte delle aziende che producono secondo questo metodo vendono i loro prodotti con il marchio collettivo e internazionale DEMETER, secondo il relativo disciplinare di produzione.Come per l'agricoltura biologica certificata, esiste un sistema di controllo con ispezioni annuali relative all'effettiva applicazione del disciplinare.
 

I diversi pareri degli studiosi

L'efficacia del metodo è stata ed è tutt'ora analizzata da vari istituti e università. Esperimenti sugli effetti di sostanze diluite e dinamizzate, dell'influsso lunare e dell'efficacia dei preparati sono stati effettuati da Eugene e Lilly Kolisko. Maria Thun pubblica ogni anno un calendario lunare per le semine corredato da osservazioni sugli esperimenti in corso. Un confronto fra vari metodi agricoli, fra i quali la biodinamica, è portato avanti dall'istituto svizzero FIBL.

Alcuni oppositori all'agricoltura biodinamica di Steiner contestano che non ci sia nulla di scientifico nel seguire i suoi insegnamenti, e che risultati uguali o similari possano essere ottenuti utilizzando i normali principi della agricoltura biologica. Viene anche contestato l'utilizzo di concetti poco scientifici, come il bilanciamento e l'armonia.

Il concetto originario dell'agricoltura biodinamica è stato ripreso in tempi più recenti da agricoltori e ricercatori, che hanno sviluppato teorie e tecniche anche divergenti dagli insegnamenti di Steiner, in particolare quelli più esoterici.
 

Voci correlate

Agricoltura biologica

Marc Bonfils

Masanobu Fukuoka

Paride Allegri

Sviluppo sostenibile

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Un esempio pratico per un parassita - Come fare per allontanare e/o eliminare la Processionaria:
Vi è un solo uccello che si mangia le Processonarie ed è il Cuculo, uccello estremamente riservato scuro di penne, un po' più piccolo di un piccione
Questo uccello, viene con la sua femmina da metà dell'Africa per deporre un uovo in un nido altrui, previa distruzione di un uovo del nido .
La sua femmina con il suo apparato fecale  riesce a riprendere i disegno della uova del nido, intanto il marito, fa cu-cu, non e'  un canto di amore, ma solo una segnalazione che e' sul territorio e che quindi in quella zona la sua femmina e' al lavoro in esclusiva.
Sicuramente gli uccelli genitori e proprietari del nido, si meraviglieranno di avere prodotto un figlio cosi' grosso ed affamato il quale getterà fuori dal nido i fratellastri, poi con i suoi genitori originari farà ritorno in Africa, percorrendo in volo circa 7000 km.
Il Cuculo si infischia dei peli urticanti delle Processonarie e se' ha problemi per averne mangiate troppe, vomita addirittura la membrana del suo stomaco.
Cuculo a parte, alla scuola di agraria, spiegano che quella farfalla costruisce il nido in cima ai pini e fascia il centinaio di uova con una speciale seta, che anche a temperature di -10 , le larve sono a + 20° e ci passano l'inverno belle calde.
Il sistema migliore e' di tagliare il ramo e bruciarlo.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Metodo di produzione biologico di prodotti agricoli
REGOLAMENTO 404/2008
Regolamento (CE) n. 404/2008 della Commissione, del 6 maggio 2008, recante modifica dell'allegato II del regolamento (CEE) n. 2092/91 del Consiglio relativo al metodo di produzione biologico di prodotti agricoli per quanto riguarda l'autorizzazione ad adoperare lo spinosad, il bicarbonato di potassio e l'octanoato di rame nonché l'etilene
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2008:120:0008:0010:IT:PDF
(lingua italiana - il testo della norma - formato pdf)


Links utili per conoscere le norme sul biologico U.E. - Unione Europea Politiche agricole della Unione + Europea + Normativa Comunitaria sull'Agricoltura Biologica + Sportello del Ministero Italiano delle Politiche Agricole + Normativa Nazionale sull'Agricoltura Biologica + Normativa Regionale Italiana sull'Agricoltura

vedi: Consigli Alimentari  +  Crudismo  + Vegetarianesimo  +  Vegetariani 1  +  Vegetariani 2 +  Germogli + Carne ai farmaci + Carne vegetale + Carne e Cancro + Allevamenti intensivi